Ultimi post

La Victoria, città storica del Venezuela

La Victoria, Monumento Josè Felix Ribas

Il mio primo impatto con il Venezuela è stato con la città di La Victoria, nella quale ho trascorso gran parte del mio ultimo viaggio in terra sudamericana. Per chi non lo sapesse La Victoria è ila seconda realtà urbana dello stato di Aragua dopo Maracay e la capitale del Municipio José Felix Ribas. Non propriamente una città turistica, soprattutto in questo periodo non facile per le sorti del Paese (vedi anche Venezuela. Dieci segnali di una crisi senza fine), eppure non mancano le attrazioni per una località a un'ora e mezza da Caracas. 

Qui sono state combattute alcune delle battaglie più importanti della storia repubblicana del Venezuela: la prima, nel 1814, tra i seguaci di Simón Bolivar, guidati dal comandante José Felix Ribas (un nome che ascolterete spesso da queste parti), e le truppe ispano-venezuelane di José Tomás Boves che vennero sconfitte; la seconda nel 1902 con il reggimento del presidente Cipriano Castro che riuscirono nell'intento di mettere in fuga un esercito di ribelli comandato da Manuel Antonio Matos.

Ad essere sincero sono arrivato a qui con poche aspettative dopo aver visto alcune foto sul web. La città mi ha sorpreso, in senso positivo, a partire dal Casco Histórico, la parte più antica e colorata. Qui i ritmi scorrono lenti, tipici del Sud America mentre l'architettura mostra aspetti coloniali con edifici a tratti decadenti. Chiaramente, a rubare la scena sono le tinte vistose delle abitazioni.

La Victoria, Casco Histórico
La Victoria, Casco Histórico
La Victoria, Casco Histórico
La Victoria, Casco Histórico
Segnatevi questi monumenti da non perdere durante una visita al Casco Histórico di La Victoria: 

  • Cuartel General Mariano Montilla
  • Iglesia de Nuestra Señora de la Candelaria
  • Capilla de El Calvario
  • Santa Iglesia Matriz de Nuestra Señora de Guadalupe
  • Casa del General en Jefe Santiago Mariño
  • Piazza e statua di Josè Felix Ribas
  • Plaza de Toros

La Victoria
La Victoria, Cuartel General Mariano Montilla
La Victoria, Cuartel General Mariano Montilla
La Victoria, Plaza de Toros
La Victoria, Plaza de Toros
Come un po' in tutto il Venezuela anche questa città ospitò un gran numero stranieri, italiani inclusi, a partire dagli anni quaranta del Novecento quando l'allora ministro della difesa Marcos Pérez Jiménez promosse l'immigrazione dall'Europa, colpita duramente dalla Seconda Guerra Mondiale. È molto frequente quindi incontrare discendenti europei a La Victoria. Se avete la possibilità recatevi nel Bar La Emisora, in Piazza Josè Felix Ribas, fondato in quegli anni proprio da un immigrato italiano e gustatevi un gelato. Vi sembrerà di tornare indietro nel tempo con l'arredamento che pare essere immutato a distanza di anni.

La Victoria, Bar La Emisora
La Victoria, Bar La Emisora
Fuori dal Casco Histórico si estende il centro, fulcro commerciale della città con negozi, piccole attività e venditori ambulanti. È sicuramente la zona più animata e trafficata. 

Per gli amanti dell'aria aperta l'ascesa al Cerro La Bandera è una delle attività preferite dai "victorianos", soprattutto durante il fine settimana. Si tratta di una passeggiata in salita che ho affrontato alle prime ore del mattino per ammirare la città dall'alto. Qui, imponente, si erge il Monumento Josè Felix Ribas costruito per commemorare la già citata battaglia del 12 febbraio 1814 e il giorno della Gioventù venezuelana.

La Victoria, Cerro La Bandera
La Victoria, Cerro La Bandera
Anche La Victoria non è immune dalla criminalità che tanto è aumentata negli ultimi anni in Venezuela, pertanto il mio consiglio è quello di prestare attenzione durante gli spostamenti, soprattutto durante le ore notturne, e prendere le dovute precauzioni (non indossare oggetti di valore, evitare di utilizzare smartphone in pubblico etc.). Stipulate un'assicurazione di viaggio prima della partenza, io ad esempio ho utilizzato Columbus Direct.

La Victoria
La Victoria

Nessun commento