Machu Picchu... Indescrivibile


Incessantemente, per tutta la notte è caduta una fitta pioggia. Non è andata bene neanche quando mi sono svegliato, alle 5, quando la pioggia è continuata a cadere. Ma è la tanto attesa giornata di Machu Picchu, per niente al mondo cambierò i miei piani. Per questo, di buon mattino mi preparo per raggiungere l’autobus che mi porta al sito inca. Circa 8 i chilometri per raggiungere l’ingresso. Sarebbe obbligatorio il controllo zaini al costo di 3 Soles ma nessuno mi chiede niente ed io entro tranquillamente. Già all’ingresso il panorama è mozzafiato. Le montagne, ricche di vegetazione sono coperte da nuvole creando un’atmosfera quasi mistica. Posso descrivere ciò che vedo ma non posso descrivere ciò che provo.

Machu Picchu, montagne circostanti
Machu Picchu, montagne circostanti
Poco più avanti, maestoso, Machu Picchu. Rimango qualche minuto a contemplare il paesaggio prima di avventurarmi a visitare il luogo. Scelgo di effettuare il giro integrale, che completo nel giro di un paio d’ore, inclusa una pausa per ripararmi dalla pioggia che mi permette di salutare la coppia argentina di Rosario conosciuta nel Tour alle Isole Uros e Taquile. Nella tipologia di biglietto che ho scelto di comprare è inclusa anche l’ascesa al Cerro Machu Picchu, più spettacolare ma meno frequentata dalla montagna antistante, il Wayna Picchu. Il cattivo tempo sfortunatamente non me lo consente.

Machu Picchu
Machu Picchu
Machu Picchu
Machu Picchu
Machu Picchu
Machu Picchu
Ho il tempo di raggiungere in una passeggiata di circa mezz’ora il Ponte Inca. Il sentiero è spettacolare e con la pioggia che continua a cadere e la fitta nebbia sembra di volare sulle nuvole.

Machu Picchu, raggiungendo il ponte inca
Machu Picchu, raggiungendo il ponte inca
Machu Picchu, raggiungendo il ponte inca
Machu Picchu, ponte inca
Machu Picchu, ponte inca
Alle 11 la gente si è ormai affollata nel sito. Ho tutto il tempo per scattare alcune foto a dei lama con sfondo Machu Picchu. 

Machu Picchu, lama
Machu Picchu, lama
Machu Picchu, lama
Machu Picchu, lama
Saluto le rovine augurandomi di tornarci molto presto. In ostello pranzo con un hamburger. Alle 13,37 mi aspetta il treno per riportarmi ad Ollantaytambo. Qui si sta festeggiando l’anniversario del pueblo e le strade sono bloccate. Intanto finalmente è uscito il sole. Scambio qualche parola con due ragazze svizzere. Devo attendere un’ora e mezza prima di salire su un taxi collettivo e raggiungere Cusco. Alle porte della città un nuovo temporale. Cambio dieci dollari perchè ho ormai finito tutti i soles e raggiungo l’ostello a piedi da Plaza San Francisco, punto in cui ci ha lasciato il taxi. Verso le 19 vado a cena in un ristorante vicino, il “Mana’s Grill” e a differenza delle altre volte non vado in pizzeria. Torno a mangiare pasta dopo tanto, spaghetti alla bolognese. La pasta è fatta a mano e si sente. Non sazio ordino anche una porzione di patatine. Conosco la bella ragazza che lavora nel locale, Yemira. Anche lei ha studiato turismo ed è una guida turistica. Mi propone di aprire un’agenzia di viaggio a Cusco, visto che i nostri studi collimano ed ha un aggancio, un amico che a Lima ha un’agenzia. Ci scambiamo i contatti e continuiamo a parlare di aspetti culturali del Perù e dell’Italia. Mi racconta anche che il cattivo tempo di questi giorni è dovuto al forte terremoto che c’è stato il giorno prima ad Ica. Quando c’è un terremoto di grandi dimensioni da queste parti, è consuetudine che cambi il tempo. La saluto e torno in ostello a recuperare gli zaini. Dopo un’attesa sotto la pioggia di circa dieci minuti, riesco a fermare un taxi libero e raggiungere il terminal dove mi aspetta un autobus della compagnia Nuevo Continente diretto a Copacabana, in Bolivia. Si parte alle 22,30. L’autobus, seppur cama, non è comodissimo. Lascio il Perù con un po’ di tristezza ma allo stesso tempo contento di aver visto paesaggi stupendi e conosciuto persone simpatiche ed amichevoli, sicuro di ritornarci in futuro.

Autobus Aguas Calientes - Machu Picchu: 42 Soles

Entrata Machu Picchu: 70 Soles

Nessun commento

Powered by Blogger.