Nella Venezia belga. Bruges


Bruges dista da Bruxelles solamente un'ora di treno. I vagoni sono pieni e noi siamo costretti a rimanere in piedi. Chiacchierando, il tempo trascorre velocemente. Giunti in stazione ci incamminiamo verso la parte vecchia della città. Le ragazze preferiscono fare una sosta in un cafè per fare colazione trovando posto in un cortile interno. Alcune biciclette fanno bella mostra all'ingresso di alcune abitazioni. Eccezion fatta per qualche sporadico turista, le strade sono deserte.


Bruges, una caratteristica abitazione
Bruges, una caratteristica abitazione
Bruges, un tipico mezzo di trasporto
Bruges, un tipico mezzo di trasporto
Bruges, camminando nella città vecchia
Bruges, camminando nella città vecchia
Man mano che ci avviciniamo al centro il movimento aumenta. Entriamo nella bellissima chiesa di Nostra Signora. I suoi interni presentano differenti stili architettonici in quanto la sua costruzione ebbe inizio nel 1220 e terminata solamente duecento anni dopo. Espressione del Medioevo sono le pareti bianche, il pavimento a lastre bianche e nere e le colonne, mentre tipiche del periodo barocco sono le cappelle laterali ed il pulpito.

Bruges, chiesa di Nostra Signora
Bruges, chiesa di Nostra Signora
Bruges, chiesa di Nostra Signora
Antistante all'ingresso della chiesa, un negozio di coloratissimi dolciumi fatti a mano invitano i più piccoli e non. Ci avviciniamo ai canali e, attratti dalle tante persone sulle barche, decidiamo anche noi di fare un giro. Non amo le visite guidate in barca, ma qui a Bruges è davvero un obbligo. La nostra guida è molto simpatica ed è piacevole lasciarsi trasportare nella vecchia città medioevale e soprattutto osservare i tanti monumenti in una prospettiva differente. Abbiamo la possibilità di attraversare il ponticello più basso.

Bruges, visita in battello
Bruges, visita in battello
Bruges, visita in battello
Bruges, visita in battello
Sono già le 16 e a quest'ora la fame ci chiama. Scegliamo uno dei tanti ristorantini in un location perfetta, il Burg, il centro amministrativo della città. Splendidi gli edifici circostanti, realizzati in differenti stili architettonici. Il più imponente ed il più antico è sicuramente il Municipio (Gothic Stadhius). Proprio accanto, l'Antico Registro Civico con facciata rinascimentale del XVI secolo e la Casa Provost, risalente al periodo barocco del XVII secolo. Io opto per un'insalata di pancetta e per le famose "Mosselen", cozze belga così grandi come squisite.

Bruges, mosselen
Bruges, mosselen
Rientriamo a Bruxelles, non prima di aver perso un po' di tempo comprando qualche souvenir. Yvonne e Noemi preferiscono trascorrere la serata in hotel, io Chiara e Manuela ci rechiamo a piedi in centro città per fare due chiacchiere in un pub. E' qui che baleniamo l'idea di recarci all'indomani ad Amsterdam, che dista da Bruxelles solamente alcune ore.

Nessun commento

Powered by Blogger.