Ultimi post

Doğubayazıt. Nel cuore del Kurdistan turco

Doğubayazıt, Palazzo di İshak Paşa

Benvenuti nel Kurdistan turco. Doğubayazıt è una città aspra tipica dei posti di frontiera ma allo stesso tempo vivace e animata. Non so descriverla a parole ma l'atmosfera che si respira una volta arrivati è particolare, totalmente differente da Erzurum, la mia precedente tappa. Eppure entrambe le località sono molto movimentate. Forse è il disordine a disorientarmi. Il centro appare caotico, nonostante le esigue dimensioni, e le strade sono polverose. Tantissime le persone che si muovono tra le vie centrali, quasi tutti uomini. Doğubayazıt è a prevalenza curda ed i visi sono differenti rispetto a quelli incontrati in altre località turche. Erzurum al contrario sembra una località molto più ordinata.

Doğubayazıt di per sé non è una città molto attraente ma la sua posizione parla da sola, ai piedi del biblico monte Ararat, la vetta più alta della Turchia perennemente innevata. Mi ritengo fortunato, appena giunto in città una densa coltre di nubi nascondeva la vetta ma progressivamente il tempo è andato migliorando mostrando ai miei occhi tutto lo spettacolo. Inoltre il centro abitato è dominato dal Palazzo di İshak Paşa, un complesso di straordinaria bellezza che include una fortezza, una moschea e un palazzo.

Il cuore di Doğubayazıt è l'area pedonale nei pressi della zona centrale. Qui si concentrano gran parte delle attività, con ristoranti, caffè, negozi, banche ed anche un piccolo e colorato mercato.

Doğubayazıt, tra le vie del centro
Doğubayazıt, tra le vie del centro
Doğubayazıt, la vista verso il monte Ararat
Doğubayazıt, la vista verso il monte Ararat
Da Erzurum a Doğubayazıt

Come anticipato, ho raggiunto Doğubayazıt partendo da Erzurum. Le due città distano 285 km ed il viaggio in minibus dura circa 4 ore. Ad Erzurum i mezzi diretti a Doğubayazıt partono da Çaykara Caddesi, quasi all'angolo con Cumhuriyet. Prendete come riferimento il parchetto con la fontana, proprio di fronte vi è la sede dell'agenzia nella quale ho acquistato i biglietti. Ho atteso circa un'ora prima di mettermi il viaggio in quanto la partenza delle 10:30 da me scelta è saltata ed ho dovuto aspettare il mezzo successivo. Lasciando Erzurum il paesaggio mi ha regalato alcune delle vedute più belle del mio viaggio "on the road" in terra turca. Lungo il percorso si attraversano vallate verdeggianti solcate da torrenti ingrossati da temporali e punteggiate da fiori e mandrie di animali. Già, perché anche in questa giornata il tempo sembrava buono ma poi il sole ha lasciato spazio ad intensi e veloci scrosci di pioggia terminate proprio alle porte di Doğubayazıt.

Doğubayazıt, tra le vie del centro
Doğubayazıt, tra le vie del centro
Il Palazzo di İshak Paşa

Adagiato su uno sperone roccioso questo splendido palazzo è l'attrazione da non perdere a Doğubayazıt. Raggiungetelo con una corsa in taxi, chiedendo al vostro autista di attendervi all'esterno. Il complesso è un mix di stili architettonici differenti: selgiuchide, ottomano, georgiano, persiano e armeno. La sua costruzione si protrasse per circa cento anni e fu portato a termine nel 1784. Dall'elaborata entrata principale si è condotti al primo cortile che veniva aperto ai mercanti e agli ospiti. Al secondo cortile potevano invece accedere la famiglia e gli ospiti speciali. Attraverso il portale dell'haremlik si accede quindi agli appartamenti del palazzo con la splendida sala da pranzo decorata da raffinati elementi in stili differenti. Vi sono poi alcune camere con caminetti e vista sulla città e un hamam. Tornando al secondo cortile, una scalinata conduce al selamlık. Qui, in un grande atrio gli ospiti venivano salutati prima di essere introdotti nella sala-cortile delle cerimonie. Il selamlık include anche una moschea, una biblioteca ed una terrazza. Fuori dal complesso noterete sicuramente delle rovine. Sono quelle di Eski Beyazıt (Vecchia Beyazıt), che probabilmente fu fondata nel periodo urarteo (800 a. C.). Prima di andarvene raggiungete il punto panoramico situato appena sopra il parcheggio. La vista sul Palazzo di İshak Paşa, con Doğubayazıt sullo sfondo è semplicemente magnifica.

Doğubayazıt, Palazzo di İshak Paşa
Doğubayazıt, Palazzo di İshak Paşa
Doğubayazıt, Palazzo di İshak Paşa
Doğubayazıt, Palazzo di İshak Paşa
Doğubayazıt, Palazzo di İshak Paşa
Doğubayazıt, Palazzo di İshak Paşa
Doğubayazıt, Palazzo di İshak Paşa
Dormire a Doğubayazıt

Cercando una soluzione economica in città la mia scelta è ricaduta sull'Hotel Ararat, dopo aver letto alcuni commenti positivi sul web. In realtà non ritengo di consigliare questa struttura sebbene non ci siano troppe alternative. Viaggiando con la mia ragazza siamo stati accolti in hotel da un receptionist tanto cordiale quanto un po' troppo invadente nei modi. La hall dell'hotel è stata ristrutturata da poco e lascia pensare che le camere siano di buona qualità. Eppure una volta mostrata l'abitazione abbiamo trovato la camera matrimoniale piena di mosche, il lenzuolo con alcune macchie e un bagno fatiscente, con soffitto pieno di muffa. Gli addetti ci sono venuti incontro, hanno cambiato il lenzuolo e con un disinfettante hanno mandato via le mosche. Abbiamo quindi accettato di trascorrere una notte nella struttura con vista sul monte Ararat. Il wi-fi è gratuito ma va e viene in funzione dei salti di corrente che spesso colpiscono Doğubayazıt. La colazione è inclusa nel prezzo e comprende pane, formaggio, pomodorini e uova sode.

Doğubayazıt, Hotel Ararat
Doğubayazıt, Hotel Ararat

Nessun commento