Da Lloret de Mar a Montserrat

Monastero di Montserrat

Dopo aver trascorso la giornata precedente all'insegna del relax al mare, io e Dante decidiamo di estendere i nostri confini partecipando ad un'escursione al monastero di Montserrat e, nuovamente, a Barcellona. La partenza è prevista per le 8,30 e, dopo un’ora e mezza di viaggio in autobus, giungiamo al monastero, sito a 720 metri s. l. m. sull’omonima montagna.

Monastero di Montserrat

Monastero di Montserrat

Monastero di Montserrat
Monastero di Montserrat
Monastero di Montserrat
Il luogo è meta di pellegrinaggi per venerare la Moroneta (la Madonna Nera), una scultura romanica in legno del XII secolo, protettrice della Provincia della CatalognaLe bellezze naturali che circondano il monastero sono mozzafiato.

Monastero di Montserrat, vista panoramica
Monastero di Montserrat, vista panoramica
Monastero di Montserrat, vista panoramica
Barcellona è distante circa 20 km. Approfondiamo la visita di due giorni prima recandoci in alcuni, tra i luoghi  di maggior interesse culturale ed artistico della città: il museo d’arte Catalunya, la casa Milà e soprattutto la Sagrada Familia di Gaudì, la cui costruzione ancora oggi non è terminata. Saliamo sulla collina del Montjuic sino all'omonimo parco e sostiamo qualche minuto nei pressi del Monumento alla Sardana.
Barcellona, Monumento alla Sardana
Barcellona, Monumento alla Sardana
Barcellona, funicolare del Montjuic
Barcellona, funicolare del Montjuic
Alle 18 siamo a Lloret. È l’ultima sera prima della partenza. Io e Dante troviamo una sala giochi con annesso minigolf. Facciamo una partita. Io vengo sconfitto per sole tre buche. A mezzanotte sono in albergo, non mi sento proprio bene. Avevamo intenzione di raggiungere Alessia, Karmen e Luca in discoteca ma niente da fare. La notte infatti è stata tremenda. Febbre altissima, ho anche rischiato di svenire. Fortunatamente il giorno seguente si riparte.

Nessun commento

Powered by Blogger.