Lanciano e il Miracolo Eucaristico


#ScoprendoChieti, blog tour patrocinato dal Comune di Canosa Sannita e dalla Provincia di Chieti ci ha dato il suo benvenuto presso il B&B Casa dell'Arciprete ad Arielli. In compagnia di altri due travel bloggers, Greta per The Greta Escape e Luana per Viagando, ho assistito alla preparazione della pasta fatta in casa, nello specifico la tradizionale "chitarra" abruzzese, appena prima di immergerci in un'abbondante cena in cantina al tepore di un camino. Tra chiacchiere e risate la prima serata è trascorsa velocemente e così ho raggiunto a Canosa Sannita, il B&B Primavera, dove alloggerò per le due notti dell'evento. La struttura ricettiva è la prima in Abruzzo a vantare il certificato europeo Ecolabel che premia l'eccellenza ambientale dei servizi forniti.

Fatta questa introduzione posso ora dedicare l'articolo a Lanciano, prima tappa del blog tour. Punto di partenza non poteva che essere Piazza Plebiscito, antico centro artistico-culturale della città con la Cattedrale della Madonna del Ponte, risalente al XVI secolo. La piazza a quest'ora è affollata di persone. C'è chi legge seduto su una panchina, chi passeggia, chi chiacchiera animatamente.

Lanciano, Piazza Plebiscito
Lanciano, Piazza Plebiscito
Lanciano, Piazza Plebiscito
Ad accompagnarci nella visita, Domenico Maria Del Bello, Ispettore Archivistico Onorario per l'Abruzzo. Ci incamminiamo subito in un passaggio a sinistra della Cattedrale per scoprire come l'edificio religioso poggi direttamente sugli archi del ponte di Diocleziano, fatto erigere dall'imperatore romano nel III secolo d.C.. Risaliamo Corso Roma nel quartiere del Borgo.

Lanciano, ponte Diocleziano
Lanciano, ponte Diocleziano
E' qui che si trova la chiesa di San Francesco che ospita al suo interno le reliquie del Miracolo Eucaristico. Di cosa si tratta? Cos'è che attira fin qui migliaia di fedeli ogni anno? Nella prima metà del VIII secolo un sacerdote stava celebrando messa ed al momento della consacrazione l'ostia e il vino si sarebbero trasformati in carne e sangue. La reliquia è ora conservata in un ostensorio settecentesco al di sotto di un presbiterio marmoreo. Ammiriamo il miracolo giusto il tempo di evitare un'ondata di fedeli in visita.

Lanciano, chiesa di San Francesco
Lanciano, chiesa di San Francesco
Lanciano, chiesa di San Francesco. Miracolo Eucaristico
Lanciano, chiesa di San Francesco. Miracolo Eucaristico
Lanciano, chiesa di San Francesco. Miracolo Eucaristico
Percorriamo il suggestivo itinerario archeologico che dalla stessa chiesa di San Francesco conduce al ponte di Diocleziano. Di notevole interesse l'impianto duecentesco di Santa Maria in Platea, i resti di una grande cisterna romana e soprattutto l'oratorio di San Legonziano, il santuario antico dove fu conservato il Miracolo Eucaristico sino al XVI secolo. In un ambiente dell'oratorio che fino a pochi anni fa ospitava delle botteghe recentemente sono tornati alla luce particolari affreschi del XVI secolo raffiguranti episodi dell'Apocalisse giovannea e Vangeli Apocrifi.

Lanciano, oratorio di San Legonziano. Affreschi
Lanciano, oratorio di San Legonziano. Affreschi
Torniamo in Piazza Plebiscito e da qui iniziamo ad addentrarci nel quartiere di Lancianovecchia. Superiamo l'eclettico Palazzo del Capitano ed in breve raggiungiamo la chiesa parrocchiale di Sant'Agostino del XIII secolo. Poco più avanti alcune botteghe medioevali e la chiesa di San Biagio, edificio religioso più antico della città.

Lanciano, Palazzo del Capitano
Lanciano, Palazzo del Capitano
Lanciano, chiesa di San Biagio
Lanciano, chiesa di San Biagio
Lanciano, scorcio caratteristico
Lanciano, scorcio caratteristico
Da Piazza dei Frentani ci avviamo nuovamente verso il centro con l'intenzione di raggiungere il quartiere di Civitanova. Il motivo del tornare sempre in piazza Plebiscito è dato dal fatto che il centro storico di Lanciano presenta una conformazione a mo' di ventaglio. Attraversiamo stretti vicoli accanto ad abitazioni dai colori vivaci. Da un punto panoramico abbiamo la possibilità di ammirare la suggestiva chiesa di San Nicola ed una porzione dell'antico nucleo abitativo.

Lanciano, chiesa di San Nicola
Lanciano, chiesa di San Nicola
Attraverso una lunga scalinata che conduce a Porta della Noce arriviamo nei pressi dell'edificio religioso a mio parere più bello della cittadina, la chiesa di Santa Maria Maggiore, eretta nel 1227 sui ruderi di un tempio pagano. La chiesa non dista molto dalle torri montanare, testimonianza delle imponenti fortificazioni cittadine, ultima tappa della nostra visita a Lanciano.

Lanciano, scorcio caratteristico
Lanciano, scorcio caratteristico
Lanciano, scorcio caratteristico
Lanciano, chiesa di Santa Maria Maggiore
Lanciano, chiesa di Santa Maria Maggiore
Lanciano, torri campanarie
Lanciano, torri campanarie
Ringraziamo Domenico che si è dimostrato una guida davvero preparata. E' ora di pranzare. Ci attendono al ristorante "La Furnacelle", dalla tipica cucina abruzzese, curata dallo chef Adriano D’Ovidio, cresciuto nella famosa scuola di Villa Santa Maria. Da "leccarsi i baffi" il menu: pallotte cace e ove, tagliere di affettati misti, due primi (rintroceri al ragù e gnocchi a porcini) e gli immancabili arrosticini.

4 commenti:

  1. Che belle foto Manuel!!! Ma siamo sicuri che ero lì con te?!?! :-)

    RispondiElimina
  2. mi piace molto, bravo Manuel

    Umberto Nasuti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Apprezzo il tuo commento Umberto. Grazie mille

      Elimina

Powered by Blogger.