Header Ads

Image and video hosting by TinyPic

Un giorno nella Nubra Valley. Cosa vedere

Nubra Valley

Una profonda vallata scavata dai fiumi Shayk e Nubra, villaggi immersi in oasi verdi, dune di sabbia e antichi monasteri. Tutto questo è la Nubra Valley. L'abbiamo raggiunta dopo un lungo viaggio scenografico partendo dalla città di Leh. Praticamente impossibile andare e tornare in giornata dal capoluogo del Ladakh, potreste optare di pernottare nell'abitato di Sumur in una delle diverse guest house a gestione famigliare presenti nel villaggio. A Sumur ci siamo rilassati, abbiamo passeggiato tra le viuzze secondarie immerse nella vegetazione e ci siamo approcciati per la prima volta alla meditazione grazie alla nostra guida Righi. Sarebbe stato bello trascorrere qui una notte in più. Con una manciata di ore a disposizione tra giorno di arrivo e giorno di partenza è stato necessario selezionare cosa andare a vedere.

Nubra Valley, Shyok River
Shyok River
In questo post vi consiglierò alcuni luoghi da non perdere nella Nubra Valley.

Monastero di Samstanling

Vi ho già detto della meditazione. Ebbene la mia prima volta in questo senso è avvenuta nel monastero di Samstanling, nella stessa Sumur. Il complesso, abitato da circa 100 monaci, è relativamente recente ed è stato fondato nel 1841 da Lama Tsultim Nima. L'ingresso è fiancheggiato da bandiere religiose e le sale interne sono rivestite con affreschi raffiguranti Buddha e i suoi insegnamenti, Dharamchakra, i quattro Re celesti e altri aspetti del buddismo. Una grande immagine di Sakyamuni domina invece la sala principale accanto alle statue di Maitreya e Mahakala.

Sumur, monastero di Samstanling
Sumur, monastero di Samstanling
Sumur, monastero di Samstanling
Monastero di Diskit

Il Diskit Gompa si contraddistingue per una serie di edifici tibetani squadrati sulle pendici di uno sperone roccioso. Diverse sono le leggende legate al monastero. Una di queste riguarda la statua bianca di una divinità con sei braccia situata nell'angolo posteriore destro del gonkhang (tempio delle divinità guardiane) che stringe un avambraccio e un teschio umano. La tradizione vuole farli risalire a un guerriero mongolo che morì nel XIV secolo in circostanze sconosciute durante la guerra tra gli stessi mongoli e il regno di Nubra. Pare che il suo corpo venne scoperto per ben due volte da un monaco che provvide alla sua distruzione. Nonostante questo il corpo ritornò nella stessa posizione e il monaco si vide costretto a tagliare testa e braccio per mettere fine a questo sconosciuto evento. Un'altra leggenda riguarda altri oggetti presenti nel monastero: cento volumi con gli insegnamenti del Buddha e un ombrello in argento. Il contesto in questo caso è simile, la guerra tra mongoli e regno di Nubra del XV secolo. Pare che il capo mongolo fu costretto a tornare in Mongolia a metà scontro per la morte prematura del figlio. Stessa cosa avvenne al cugino. Il condottiero fu dapprima costretto a rivolgersi al suo consigliere di fiducia e poi invitato dallo stesso a tornare a Diskit per mettere fine a questo sortilegio regalando ai due protettori del monastero, Mahakala e Lhamo, 100 volumi con le parole originarie del Buddha al primo e un ombrello in argento alla seconda.

Diskit, monastero di Diskit
Diskit, monastero di Diskit
Diskit, monastero di Diskit
Diskit, monastero di Diskit
Diskit, monastero di Diskit
Nelle vicinanze sorge una grandissima statua di Chamba (Maytreya-Buddha), alta 32 metri, e visitabile con lo stesso biglietto per accedere al monastero di Diskit. La statua fu inaugurata dal Dalai Lama in persona nell'anno 2010.

Diskit, statua di Chamba
Diskit, statua di Chamba
Diskit, statua di Chamba
Dune di Hunder

Nei pressi del villaggio di Hunder si estende una delle zone più suggestive della Nubra Valley, una serie di spettacolari dune di sabbia immerse nel verde e circondata da alte montagne. Una delle attrazioni principali è costituita dalla possibilità di fare brevi escursioni a dorso di cammelli bactriani. Il punto di partenza si trova a circa 3 km dal centro abitato e a poche centinaia di metri da un accampamento militare.

Hunder, dune
Hunder, dune
Hunder, dune
Hunder, dune
Muro mani di Hunder

Percorrendo la Diskit-Turtok Highway, nei pressi dell'abitato di Hunder, sorge un importante mendong (o muro mani) decorato da i nomi dei mille Buddha e da una lunga serie di pietre mani, generalmente di forma appiattita sulle quali sono incisi mantra - primo fra tutti Om Mane Padme Hum. Nelle vicinanze del muro è visibile una roccia naturale, caduta per effetto di una frana dalla vicina parete rocciosa, che ricorda le fattezze del Buddha ed è venerata dai fedeli locali.

Hunder, muro mani
Hunder, muro mani
Hunder, muro mani
Per maggiori informazioni:

Nessun commento

Powered by Blogger.