Alla riscoperta del Filò


E' finalmente arrivato il giorno del primo Bloggers Educational Tour in Val di Zoldo, progetto frutto di una strategia di marketing territoriale che il Consorzio di promozione turistica della Valle ha organizzato in collaborazione con Punto 3 e Dolomiti Project al fine di avvicinare l'area al turismo sostenibile. Una volta raggiunta la stazione di Pescara mi aspettano circa otto ore di viaggio, incluse alcune soste per cambiare treno prima di arrivare a Belluno. Da qui, in compagnia di altri blogger raggiungiamo in auto le nostre rispettive sistemazioni. Io alloggerò per le prossime due notti all'Hotel Garni Posta a Forno di Zoldo. Una meritata doccia bollente e così siamo pronti per cominciare questa nuova esperienza. L'accoglienza non poteva essere delle migliori. In località Cornigian, in una vecchia casa di montagna adiacente al ristorante Inte Cornigian ci attendono Charly Gamba e Paola Brolati per farci rivivere attraverso uno spettacolino teatrale l'antica usanza del Filò. In un piccolo ambiente famigliare, noi partecipanti prendiamo posto riscaldati da un autentico "foghèr", un grande caminetto al centro della stanza.

Rivisitazione del filò attorno ad un foghèr
Rivisitazione del filò attorno ad un foghèr
Cos'era questo Filò? Un tempo, da queste parti, soprattutto nelle fredde sere d'inverno come quella di oggi, era solito radunarsi nelle case attorno a un fuoco, o nelle stalle, lì dove gli animali scaldavano con il fiato. Gruppi di giovani si raccoglievano con l'idea di cantare una canzone e raccontare storie, favole, barzellette. L'occasione diveniva propizia per un corteggiamento ed a volte nascevano vere e proprie storie d'amore che culminavano in matrimoni. Le donne filavano in un angolo mentre gli uomini si adagiavano sulle panche parlando di affari di famiglia, di bestie, di scherzi, di guerra. Poteva capitare che alla porta bussava un ambulante, un merciaio o un venditore di stampe di santi. Essi erano ben accetti in quanto potevano raccontare simpatici aneddoti frutto delle loro vendite.

Charly Gamba e Paola Brolati nella rivisitazione del filò
Charly Gamba e Paola Brolati nella rivisitazione del filò
Charly Gamba e Paola Brolati nella rivisitazione del filò
Tornando a noi i minuti scorrono in fretta e con piacere assistiamo alle storie e alle filastrocche che un tempo si raccontavano e si cantavano. Tra le più divertenti "Al pioge e al pules" e "Al Barba Zucon Zuchela".

                                          

E' ormai ora di cena. Ci spostiamo tutti quanti nel vicino ristorante Inte Cornigian, un caratteristico locale in legno dalla calda atmosfera. Tra buon cibo e piacevoli chiacchiere anche qui il tempo passa velocemente. Torniamo presto in hotel in vista della ciaspolata del giorno seguente.

Loc. Cornigian di Forno di Zoldo, ristorante Inte Cornigian
Loc. Cornigian di Forno di Zoldo, ristorante Inte Cornigian
Loc. Cornigian di Forno di Zoldo, ristorante Inte Cornigian
Per maggiori informazioni: 

www.valdizoldo.net: il sito ufficiale del Consorzio turistico della Val di Zoldo
www.dolomitidizoldo.it: le Dolomiti di Zoldo raccontate attraverso le esperienze. Un vero viaggio nel tempo e nello spazio. È un blog che accompagna tutti coloro che desiderano entrare in relazione con questi magnifici luoghi.

2 commenti:

  1. Grande Manuel. Vogliamo il video con la tua versione della filastrocca in zoldano!

    RispondiElimina

Powered by Blogger.