Fes. Itinerario nella medina di Fes El Bali

Fes El Bali

Il mio secondo viaggio in Marocco è arrivato in maniera del tutto inaspettata. Il motivo è semplice: a pochi giorni dalla partenza ho trovato un'offerta per un volo Ryanair da Roma Ciampino e senza pensarci due volte ho deciso di acquistare il biglietto per un itinerario che mi portasse alla scoperta della città imperiale di Fes e dei suoi dintorni. Detto questo, possiamo cominciare a parlare del viaggio vero e proprio.

Meno di tre ore di volo separano l'aeroporto di Ciampino da quello di Fes-Saïss. L'aereo tocca terra quando mancano pochi minuti alle sette del mattino e una lunga fila si va subito formando nell'area riservata ai controlli dei passaporti. Ne approfitto scambiare qualche parola con una giovane donna marocchina intenta a tenere a bada suo figlio a dir poco vivace. Sbrigate le formalità burocratiche decido di evitare i tassisti alla ricerca di clienti nella zona degli arrivi e mi dirigo a piedi all'esterno con l'intenzione di prendere l'autobus numero 29 che collega l'aeroporto con il centro di Fes. L'autobus è appena partito e mi accontento di prendere un economico taxi collettivo al costo di 20 dirham (circa due euro) sino alla stazione ferroviaria. Nel mezzo siamo in sette per soli cinque posti. Fermi ad un semaforo il conducente scende, lo raddrizza e riparte. Dalla stazione dei treni per raggiungere Place R'cif prendo invece uno dei tanti petit taxi di colore rosso appostati all'esterno. Una corsa in città con tassametro difficilmente può superare i 15 dirham. In piazza chiedo informazioni ad un anziano su come raggiungere la struttura che mi ospiterà nei prossimi giorni, il riad Maison Adam, e in pochi minuti arrivo a destinazione. Tarik e Siam mi accolgono con un fumante tè alla menta e mi dispensano subito preziose informazioni turistiche. Io sono stanco e decido di rilassarmi un po' prima di andare alla scoperta di Fes. Quando esco è ora di pranzo e decido di optare per il primo ristorante sulla strada nei pressi della fermata degli autobus R'cif. Su una terrazza panoramica (solo dopo scoprirò che al piano terra i prezzi sono più bassi) opto per un abbondante piatto di tajine kefta, uno stufato di carne macinata con uova e sugo cotto lentamente in una spessa ciotola di ceramica con un coperchio conico.
Fes, Tajine Kefta
Fes, Tajine Kefta
Accanto al mio tavolo siedono Riccardo, Marco e Antonio, tre italiani che si sono conosciuti sull'aereo e che come me hanno pensato di trascorrere qualche giorno in Marocco in maniera del tutto indipendente. Basta poco per decidere di spostarci tutti insieme nella visita della città. Siamo praticamente in centro città e nonostante questo notiamo subito che i muli sono mezzi ancora molto utilizzati da queste parti. Ci incamminiamo nella medina dopo aver attraversato Place R'cif e la sua omonima porta.
Fes, Bab R'cif
Fes, Bab R'cif
Fes El Bali è un labirinto di souk, una combinazione di colori, suoni e odori dove il migliore itinerario, soprattutto se si ha a disposizione molto tempo, è quello di perdersi tra la folla lasciandosi trasportare senza sapere l'esatta direzione. Peccato che a farti cambiare idea ci sono tanti, troppi ragazzi insistenti desiderosi di fare affari con i turisti. C'è chi propone di raggiungere una meta turistica in cambio di un'offerta, chi vorrebbe accompagnarti al proprio negozio di fiducia o chi vorrebbe venderti delle merci. Volendo o nolendo qualcuno prima o poi abboccherà all'amo. Come noi che abbiamo raggiunto le Concerie Chouwara seguendo un giovane che ci ha portati in una terrazza panoramica all'interno di un negozio di tappeti dove presumibilmente godeva di una commissione in caso di nostri acquisti. Decine di conciatori stanno lavorando tra le coloratissime vasche bucherellate che nell'aria emanano un cattivissimo odore simile a carne andata a mel che contrastiamo con delle foglioline di menta. I colori delle vasche seguono una sequenza tradizionale: giallo (zafferano o curcuma), rosso (papavero), blu (indaco), verde (menta) e nero (antimonio) anche se c'è da dire che negli ultimi anni le tinture chimiche stanno ormai sostituendo quelle vegetali. Centinaia di pelli giacciono sui tetti ad asciugare accanto al maleodorante concime dei piccioni. Nel frattempo alcuni lavoratori sono intenti a scaricare frattaglie di animali nel vicino fiume, l'Oued Boukhrareb, le cui acque per un breve momento si tingono di rosso.

Fes, Concerie Chouwara
Fes, Concerie Chouwara
Fes, Concerie Chouwara
Fes, Concerie Chouwara
Fes, Concerie Chouwara
Decidiamo di rientrare nell'intricato dedalo di vie che caratterizza la medina, lì dove l'odore delle spezie è decisamente un toccasana. Place Seffarine è una piazza pittoresca situata sul lato sud orientale della moschea Kairaouine circondata da botteghe di fabbri che, stufi dell'invadente presenza dei turisti occidentali preferiscono non essere fotografati mentre mentre lavorano calderoni di ferro e rame. Attorno a Place Seffarine si snodano souk specializzati in gioielli e in articoli di metallo.
Fes, Place Seffarine
Fes, Place Seffarine
Decidiamo di entrare nella Madrasa El Attarine, una delle scuole medievali più belle della città. La ragione è semplice, l'edificio è infatti ornato da un'incredibile varietà di decorazioni come nella sala d'ingresso dove quelle in zellij sono forse tra la più complesse di Fes.

Fes, Madrasa El Attarine
Fes, Madrasa El Attarine
Fes, Madrasa El Attarine
Attraversiamo il souk El Attarine conosciuto anche con il nome di "souk dei venditori di spezie". Più che nelle altre aree è qui che il profumo di chiodi di garofano, cumino e cannella è più intenso. Il principale monumento all'interno del souk è la Zaouia di Moulay Idriss II, uno dei più sacri della città il cui ingresso è riservato solamente ai musulmani. Riusciamo solamente a scorgere dall'esterno l'andirivieni dei fedeli all'interno del reliquiario. Qui è custodita la tomba di Moulay Idriss II risalente al XV secolo. All'esterno dell'edificio decine di bancarelle vendono argento, candele profumate e altre offerte votive.

Fes, passeggiando nella medina
Fes, passeggiando nella medina
Fes, passeggiando nella medina
Fes, passeggiando nella medina
Fes, passeggiando nella medina
Facciamo un salto alle più piccole Concerie Gueliz ma al momento della nostra visita queste sono in ristrutturazione e non c'è molto da vedere. Il cielo minaccia pioggia e noi decidiamo quindi di fare ritorno in hotel promettendo di rivederci all'indomani per andare alla scoperta di un'altra area della città, Fes El Jedid.
Fes, Concerie Gueliz
Fes, Concerie Gueliz
Percorriamo il Souk Achabine e imbocchiamo un vicolo fino a sbucare nelle vicinanze dello Zaouiat Sidi Ahmed Tijani, una sontuosa moschea con annesso mausoleo che custodisce i resti di una delle persone più venerate a Fes, Sidi Ahmed Tijani, originario di Aïn Madi, in Algeria. A recarsi qui sono soprattutto i pellegrini di alcuni Paesi dell'Africa dell'Ovest come Senegal, Mali e Nigeria che rendono visita alla sua tomba prima di continuare la strada verso la Mecca. Siamo contenti, abbiamo già iniziato ad orientarci nella medina. Per coloro che hanno ancora difficoltà esistono comunque indicazioni colorate a seconda della tipologia di itinerario turistico scelto.

Fes, passeggiando nella medina
Fes, passeggiando nella medina
Fes, passeggiando nella medina
Fes, passeggiando nella medina

2 commenti:

  1. Sono passati 10 anni dal mio viaggio in Marocco e Fez ce l'ho ancora nel cuore... non vedo l'ora di tornare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo in due! Fez mi è piaciuta davvero tanto, ancor più di Marrakech! Spero anch'io di tornarci un giorno.

      Elimina

Powered by Blogger.