Marrakech. Palazzo Bahia e Tombe Saadiane


Ultimo giorno in terra marocchina. Abbiamo ancora una mattinata a nostra disposizione e intendiamo trascorrerla visitando alcuni dei palazzi più belli di Marrakech. Con calma scendiamo nel cortile interno al riad per fare colazione. Hassan, in vista della nostra partenza, dimostra tutta la sua bontà regalandoci una cartolina e due portachiavi per ringraziarci della nostra gentilezza durante il soggiorno. Prepariamo le valigie e lo zaino con un pizzico di malinconia. Ci incamminiamo nella Medina sotto un sole cocente. E' sicuramente la giornata più calda dall'inizio della vacanza. Chiediamo qua e là informazioni per raggiungere il Palazzo Bahia. Nei pressi della piazza Djamee El Fna promettiamo a un cameriere di un ristorante economico di ritornare per pranzo. Da qui, il palazzo dista solamente una decina di minuti a piedi. Tipico esempio di dimora cittadina della fine del XIX secolo, mostra una pianta articolata con camere affacciate attorno a cortili dalla vegetazione rigogliosa.

Marrakech, Palazzo Bahia
Marrakech, Palazzo Bahia
Marrakech, Palazzo Bahia
Marrakech, Palazzo Bahia 
Seppur alcune stanze appaiano come un po' decadenti, gli splendidi ornamenti di pregio come le piastrelle di Tetouan, il marmo di Meknes e il cedro del Medio Atlante realizzati per volere del sultano Ba Ahmed richiamano l'attenzione dei turisti che si affollano a fotografarli. Tantissimi i gatti che hanno trovato casa nel cortile esterno.
Marrakech, Palazzo Bahia
Marrakech, Palazzo Bahia
Marrakech, Palazzo Bahia, gatti affettuosi
Marrakech, Palazzo Bahia, gatti affettuosi
Quindici minuti di cammino separano il Palazzo Bahia dalle Tombe Saadiane. Nei pressi di un incrocio un motorino non riesce a frenare in tempo e va a tamponare un automobile. Due persone finiscono a terra e, zoppicanti, vanno a sedersi sul marciapiede. Le vie nei pressi del sito appaiono poco curate e a tratti degradate. Le tombe saadiane furono costruite per ospitare i membri della famiglia reale tra il XVI e il XVIII secolo. Inserito in un lussureggiante giardino simboleggiante il paradiso di Allah, l'edificio è composto da due mausolei.

Marrakech, Tombe Saadiane
Marrakech, Tombe Saadiane


Quello centrale, il più ampio ed il più rilevante dal punto di vista architettonico è quello di Ahmed el-Mansour e della sua famiglia, è composto da tre camere funerarie. Le tombe del sultano e dei suoi discendenti, ricoperte da arabeschi e iscrizioni coraniche, si trovano all'interno della sala centrale.

Marrakech, Tombe Saadiane
Marrakech, Tombe Saadiane
Il secondo mausoleo ha dimensioni più modeste. Anche nel giardino vi sono delle tombe ed appartengono a personaggi di corte o servitori di Ahmed. Pranziamo nel locale in cui ci siamo fermati in mattinata, lo Snack N'zaha, ma ad accoglierci c'è un altro cameriere. Quello con cui avevamo parlato prima ci nota e manda a quel paese l'altro pur di avere noi e sperare in una mancia. Torniamo in riad e salutiamo Hassan promettendogli in futuro di fare ritorno. In questi giorni di soggiorno al Riad Dar Othmane ci è sembrato quasi di stare a casa nostra. Un taxi ci viene a prendere per accompagnarci all'aeroporto Menara, dal quale un aereo della Ryanair ci riporterà in Italia.

Nessun commento

Powered by Blogger.