Il lago di Piediluco e la cascata delle Marmore


Avevamo controllato gli orari di rilascio dell'acqua della Cascata delle Marmore del mese di marzo ma una volta arrivati ci è stato comunicato che solo per oggi, a causa di un intervento dei vigili del fuoco, sarebbe slittato al solo pomeriggio. Non ci perdiamo d'animo, riprendiamo la marcia e ci dirigiamo verso il vicino Lago di Piediluco, il più grande lago naturale dell'Umbria dopo il Trasimeno. Parcheggiamo alle porte del paese di Piediluco, una frazione del Comune di Terni, affacciato sull'omonimo bacino.

Piediluco
Piediluco
Ci incamminiamo costeggiando abitazioni dai colori vivaci e alberi di mandorlo in fiore. Seguiamo le indicazioni per il lungolago, una breve passeggiata con splendida vista sullo specchio d'acqua e sulle montagne dalle cime innevate in lontananza. Non c'è quasi nessuno in giro a parte una coppia di giovani genitori che si divertono a giocherellare con i propri figli tra le barche ormeggiate su una spiaggetta.

Piediluco
Piediluco
Piediluco
Piediluco, Lago di Piediluco
Piediluco, Lago di Piediluco
Piediluco, Lago di Piediluco
Rientriamo in paese per visitare la chiesa di San Francesco, risalente al XIII secolo. Abbiamo raggiunto uno dei punti più importanti dell'itinerario della Via Francigena di San Francesco. Sarebbe davvero interessante un giorno percorrerla tutta. Entriamo dopo aver superato una ripida scalinata all'ingresso.

Piediluco, chiesa di San Francesco
Piediluco, chiesa di San Francesco
Piediluco, chiesa di San Francesco
Piediluco, chiesa di San Francesco
Cominciamo ad avere fame. Decidiamo di cercare una trattoria/osteria lungo la strada affidandoci al caso. Ne avevamo viste alcune prima di arrivare a Piediluco ma preferiamo trovarne una lungo la strada per la Cascata delle Marmore. Le tante auto parcheggiate all'esterno della trattoria Teresa attirano la nostra attenzione. Non ricordo di aver mangiato così bene da tanto tempo. Io ho ordinato un piatto di tagliolini (pasta lunga fatta a mano) al profumo di lago, G. uno spezzatino di luccio in salsa di carciofi di Gerusalemme. Per concludere non potevamo lesinarci dal prendere un dolce, una buonissima torta all'ananas.

Piediluco, trattoria Teresa
Piediluco, trattoria Teresa
Piediluco, trattoria Teresa. Tagliolini al profumo di lago
Piediluco, trattoria Teresa. Tagliolini al profumo di lago
Piediluco, trattoria Teresa. Torta all'ananas
Piediluco, trattoria Teresa. Torta all'ananas
Alla Cascata delle Marmore è possibile entrare da due differenti ingressi. Nell'area partono diversi sentieri, differenti per tempi di percorrenza e difficoltà. Scegliamo inizialmente il punto panoramico più in alto nei pressi del centro abitato di Marmore. L'acqua comincia a scendere appena dopo il suono di una sirena. Ammiriamo la cascata dall'alto gettarsi nella vallata sottostante con una caduta di circa 165 metri dopo aver creato un coloratissimo arcobaleno con il vapore acqueo trascinato dal vento.

Vista dall'alto delle Cascate delle Marmore
Vista dall'alto delle Cascate delle Marmore
Vista dall'alto delle Cascate delle Marmore
Cascate delle Marmore
Cascate delle Marmore
Ma non siamo pienamente soddisfatti e ci spostiamo in auto al secondo ingresso, quello più a valle. Sapere che il flusso della Cascata delle Marmore controllato toglie un po' di fascino ma vedere tutta la sua imponenza dal basso con i suoi tre salti è ugualmente qualcosa di grandioso.

Cascate delle Marmore
Cascate delle Marmore
Cascate delle Marmore

Nessun commento

Powered by Blogger.