Itinerari di viaggio: Marrakech e il sud del Marocco in otto giorni

Merzouga

Se un amico mi dovesse chiedere un consiglio su una possibile destinazione da visitare, purché sia economica e culturalmente diversa dall'Italia, il primo posto che mi verrebbe in mente è il Marocco. Negli ultimi anni le compagnie low-cost hanno permesso di raggiungere il Paese in poche ore di volo e con spese sempre più accessibili, solamente poche decine di euro. Integrando la bellezza e la durezza del continente africano con il fascino della cultura islamica, il Marocco rappresenta con orgoglio il suo ruolo di punto d'incontro tra Africa e Medio Oriente, con uno sguardo sul vicino continente europeo.

Ho visitato il Marocco in due differenti occasioni eppure queste non mi sono bastate. In futuro mi piacerebbe tornarci approfondendo zone lungo la catena dell'Atlante che ho solamente sfiorato nell'itinerario che andrò a consigliarvi in questo post. Seguendo i miei consigli potrete andare alla scoperta del cuore di questa nazione e spingervi sino al deserto, attraversando kasbah da mille e una notte e tradizionali villaggi berberi. Punto di partenza, la brulicante Marrakech.

GIORNO 1 | Marrakech

L'impatto con Marrakech è inevitabilmente molto forte, soprattutto se avete deciso di soggiornare all'interno della medina in un caratteristico riad. Per iniziare concedetevi una passeggiata nella movimentata piazza di Jemaa El Fna, dichiarata dall'Unesco Patrimonio mondiale dell'Umanità. Potrete cenare qui in uno dei tanti chioschi allestiti ogni giorno a partire dal pomeriggio o scegliere uno dei ristoranti con vista panoramica. Accompagnate il tutto con un fumante tè.

Marrakech, Place Djemaa El Fna
Marrakech, Place Djemaa El Fna
GIORNO 2 | Marrakech

Riprendete da dove avete lasciato il giorno prima, ovvero place Jemaa El Fna dominata dalla mole imponente dalla vicina moschea della Koutubia. Immergetevi nell'intricato dedalo di stradine del suk per raggiungere quella che un tempo era la più grande scuola coranica del Maghreb la pregevole Medersa Ben Youssef, uno degli esempi più alti dell'arte e dell'architettura marocchina. Spostatevi verso l'unico edificio superstite dell'epoca almoravide, la Koubba El Badiyn, e visitate il Museo di Marrakech. Continuate la passeggiata nel suk, il tempo volerà osservando le merci dei coloratissimi negozi. Un consiglio: se la vostra intenzione è quella di comprare qualcosa cercate di contrattare sempre il prezzo.

Marrakech, Medersa Ben Youssef
Marrakech, Medersa Ben Youssef
GIORNO 3 | Marrakech - Essaouira - Marrakech

In autobus potete raggiungere la città costiera di Essaouira ritornare in serata a Marrrakech. Circa tre le ore per raggiungere questo centro affacciato sull'oceano Atlantico. Visitate la zona portuale e osservatela dall'alto della Skala du Port, un bastione merlato dominato da due torri imponenti che regalano una splendida vista sulla città e sui moli sottostanti. Entrate nella zona vecchia attraversando place Moulay Hassan e immergetevi nel suk. Salite sulla Skala de la Kasba, un'altra fortificazione punteggiata da cannoni spagnoli in grado di regalarvi un'altra prospettiva dell'oceano e delle antistanti Iles Purpuraires.

Essaouira
Essaouira
GIORNO 4 | Marrakech - Kasbah Ait Benhaddou - Ouarzazate - Gole di Dades

Con soli otto giorni a disposizione potrebbe essere un'idea quella di partecipare ad un'escursione organizzata di tre giorni e due notti per raggiungere il sud del Paese ed avere così un assaggio del deserto marocchino. Quasi tutte le agenzie di Marrakech offrono escursioni standard i cui prezzi cambiano a seconda della tipologia di sistemazione scelta durante le notti. Il primo giorno è previsto l'attraversamento della catena montuosa dell'Alto Atlante percorrendo il passo di montagna del Tizi'n Tichka a quota 2.260 metri di altezza. In una cooperativa di Olio di Argan sono illustrate le diverse fasi di produzione ed i suoi benefici per il corpo umano. Con una deviazione raggiungete la Kasbah di Ait Benhaddou, dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco. A Ouarzazate, la "porta del deserto", vi è la possibilità di scegliere se visitare l'antica Kasbah di Taourirt o il famoso Museo del Cinema. Percorrendo la bellissima Valle delle Rose raggiungerete l'ultima tappa di giornata, le suggestive Gole del Dades nelle cui vicinanze sorgono diverse strutture ricettive.

Kasbah di Ait Benhaddou
Kasbah di Ait Benhaddou
GIORNO 5 | Gole di Dades - Tinghir - Gole di Todra - Merzouga

Ripresa la marcia verso la Valle del Draa attraversata da uno dei fiumi più lunghi del Marocco, avrete la possibilità di osservare lungo la strada antiche Kasbah nascoste tra le montagne. A Tinghir è prevista una sosta al rigoglioso palmeto che circonda il villaggio. Tappa successiva le spettacolari e forse troppo turistiche Gole di Todra che precedono Merzouga, nel cuore del deserto. Il calar del sole è il momento ideale per partire in dromedario e raggiungere uno degli accampamenti ai piedi della Grande Duna che vi ospiterà per la notte.

Gole di Todra
Gole di Todra
GIORNO 6 | Merzouga - Marrakech 

Attraversando il deserto con la luce del giorno tornerete a Merzouga in dromedario. Vi attenderà uno stancante e lungo viaggio a ritroso sino a tornare a Marrakech che raggiungerete solamente nel tardo pomeriggio.

Merzouga
Merzouga
GIORNO 7 | Marrakech - Valle dell'Ourika - Marrakech

Se la notte vi è servita per superare la stanchezza accumulata in questi giorni potete prendere parte ad un'altra escursione organizzata. La Valle dell'Ourika dista solo un'ora da Marrakech. A Tnine-l'Ourika sosterete per visitare Les jardin bioaromatiques de l'Ourika, un orto biologioco aromatico nel quale crescono piante officinali da cui si ricavano oli per massaggi. La strada finisce a Setti Fatma. Vi aspetterà una facile passeggiata in salita per osservare alcune delle Sette cascate. Pranzerete in uno dei ristoranti turistici lungo il fiume prima di fare ritorno a Marrakech per concedervi un meritato riposo.

Valle dell'Ourika, Setti Fatma
Valle dell'Ourika, Setti Fatma
GIORNO 8 | Marrakech 

È l'ultimo giorno in terra marocchina. Se il vostro volo è previsto nel pomeriggio potete sfruttare la mattinata per conoscere altri due luoghi simbolo di Marrakech. All'estremità meridionale della medina sorgono il quartiere un tempo abitato dalla comunità ebraica, le tombe saadiane con il suo curato giardino fiorito e il Palazzo Bahia.

Marrakech, Palazzo Bahia
Marrakech, Palazzo Bahia

4 commenti:

  1. Bellissimo il Marocco, mi ha lasciato un'impressione incredibile. Io sono stata anche ad Essaouira, che consiglio assolutamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sii A Essaouira vorrei tornare. Beh in realtà vorrei tornare proprio in Marocco. Due volte non mi sono bastate!

      Elimina
  2. Bellissimo itinerario, e complimenti per le foto, le hai fatte te?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Certamente, sono tutte foto mie. :)

      Elimina

Powered by Blogger.